8 marzo. Le iniziative dell’Assessorato alle Politiche sociali per la Festa delle Donne

Sabato
14:44:59
Marzo
07 2009

8 marzo. Le iniziative dell’Assessorato alle Politiche sociali per la Festa delle Donne

View 134.6K

word 775 read time 3 minutes, 52 Seconds

Milano: "Informa.MI. DONNA – Le associazioni femminili per la città”. è questo il titolo che lAssessorato alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali, insieme alle realtà che operano sul territorio in tema di politiche femminili, hanno voluto dare alla giornata dell8 marzo di questanno. "Grazie alla collaborazione della Camera di Commercio – ha spiegato lassessore Mariolina Moioli – è stato possibile organizzare, a Palazzo Giureconsulti, un programma articolato di iniziative per la giornata dell8 marzo. Le associazioni che hanno aderito alla manifestazione divulgheranno il loro materiale informativo per permettere alla città di conoscere le opportunità che il territorio offre alle donne”. Saranno presenti Acmid-Lombardia (Associazione comunità marocchina delle donne in Italia), Aidda (Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti DAzienda), A.n.d.e. (Associazione nazionale donne elettrìci), Andos (Associazione nazionale donne operate al seno), Blimunde – sguardi di donne su salute e medicina, CDP – ClubDonnaPolitica, Centrodonna CGIL, Coordinamento donne CISL, Coordinamento donne UIL, Federcasalinghe, Fidapa (Federazione italiana donne arti professioni e affari), Il Club delle Mamme, Irene (Iniziative, Ricerche, Esperienze per una Nuova Europa), LILT (Lega Italiana per Lotta contro i Tumori), Manageritalia Milano, Moica (Movimento italiano casalinghe), Onda (Osservatorio Nazionale sulla salute della donna), Salute Donna, Terziario Donna Unione di Milano, UDI (Unione Donne in Italia) e UFN (Unione Femminile Nazionale). "Abbiamo deciso di celebrare la Festa della Donna ricordando i progressi e le conquiste sociali e culturali di ciascuna e di tutte nel corso degli anni – ha spiegato lassessore alle Politiche sociali –. Per questa ragione daremo spazio alla presentazione dei libri ‘8 marzo. Una storia lunga un secolo e ‘Donna mapparve, ma anche ad un tè etnico curato dallAssociazione donne marocchine che vivono nella nostra città e a una rappresentazione teatrale ‘Dopo di me il nulla che racconta una storia di violenze e soprusi”.



Ed è soprattutto in tema di prevenzione e accompagnamento di chi è stata vittima di violenze che il Comune sta investendo in questi ultimi anni. "Da oltre un anno abbiamo costituito e coordiniamo la rete di associazioni che si prendono cura delle donne che hanno subito violenza e cercano di prevenire il verificarsi di altri episodi drammatici – ha ricordato Moioli -. Inoltre, nei prossimi mesi partiranno i corsi di formazione per 50 ufficiali dellArma dei Carabinieri e Polizia di Stato e 222 ufficiali, tra commissari capi e commissari aggiunti della Polizia Locale, per rafforzare la loro sensibilità rispetto ai casi di violenza su donne e minori. Con questo progetto, finanziato con un contributo di 150mila euro, vogliamo offrire uno strumento in più a coloro che, come le Forze dellordine, si trovano a contatto con storie di sofferenza che bisogna saper interpretare”. Tra gli obiettivi, anche quello di far cambiare, nella vittima e nelloperatore di polizia, la percezione che il reato di violenza cosiddetta "intrafamiliare” non è un fatto privato, ma un grave reato contro la persona che deve essere denunciato. Da quando è attiva la rete di prevenzione e contrasto alla violenza sulle donne, sono stati presi in carico 861 soggetti per sostegno sociale, psicologico, consulenza legale, sanitaria o per offrire ospitalità. In un anno e mezzo le donne che si sono rivolte ai servizi offerti dalla rete sono state circa 1400. "Per il Comune di Milano, però – ha precisato lassessore – donna non significa solo attenzione agli abusi e alle violenze. Le milanesi infatti hanno a disposizione strumenti a sostegno della maternità come il Bonus Bebè, il Buono cicogna, ma anche servizi per linfanzia flessibili negli orari, che garantiscono uno standard qualitativo sempre più elevato”. Per le mamme che usufruiscono del congedo parentale per un periodo non inferiore a sei mesi, fino al compimento del primo anno di vita del bambino, il Comune offre un sostegno economico di 500 euro mensili. In due anni, il Bonus Bebè è stato erogato a 894 famiglie, per una spesa totale di 2.436.000 euro. Il Buono Cicogna, invece, è un contributo di 300 euro mensili che il Comune di Milano eroga per 16 mesi alle famiglie in attesa di un bambino. Ne hanno diritto le famiglie residenti a Milano, con un reddito ISEE non superiore a 18.592,45 euro. Per questanno si prevede una spesa di circa 1.536.000 euro. "Per quanto riguarda le scuole dellinfanzia – ha concluso lassessore Moioli -, lintroduzione di fasce orarie diversificate, ci ha permesso di andare incontro a unesigenza più volte espressa dalle famiglie”. Anche questanno, infine, lAssessorato alla Famiglia, Scuola e Politiche sociali del Comune prevede di attribuire un riconoscimento alle grandi e alle giovani donne che hanno fatto grande Milano, attraverso il premio "Milano Donna”. Ad esso si aggiungerà il premio giornalistico dedicato a "Maria Grazia Cutuli”: donne che scrivono di donne e raccontano il loro mondo.

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / 8 marzo....lle Donne