BUONGOVERNO: Perchè durerà altri tre anni

Martedì
21:21:40
Settembre
14 2010

BUONGOVERNO: Perchè durerà altri tre anni

“Dureremo altri tre anni“ ha garantito Silvio Berlusconi, e c’è da credergli. Vediamo perchè.

View 134.8K

word 930 read time 4 minutes, 39 Seconds

(forzasilvio) - Il premier ha finora mantenuto tutti gli impegni, sia di governo sia politici. Dunque manterrà anche questo.

La scadenza naturale della legislatura è nel 2013. Siamo a settembre 2010, neppure a metà mandato. Il governo sembra in carica da molto più tempo, perché molte sono le cose che ha fatto, e perché in questo periodo è cambiato il mondo. Ma anche per questo, molte sono ancora le cose da fare.

Se si eccettua il primo governo Berlusconi, rovesciato da un complotto giudiziario-istituzionale (il famoso avviso di garanzia a mezzo stampa per un’inchiesta dal quale il premier è poi uscito prosciolto) e dal ribaltone, i governi Berlusconi durano. Cinque anni restò in carica quello 2001-2006, realizzando importanti riforme tra cui fisco, previdenza e mercato del lavoro. E cinque anni rimarrà in carica anche questo, che ha riforme altrettanto determinanti in agenda.

Al contrario, chi non riesce mai a durare è la sinistra. Da quando esiste l’alternanza, nel 1996-2001 ha cambiato ben cinque governi e tre presidenti del Consiglio (Prodi, D’Alema e Amato); e nel 2006-2008 Prodi, con la sua maggioranza contraria al voto popolare, ha retto stentatamente con i voti dei senatori a vita, finchè è crollato senza rimpianti.

Ma il motivo principale è il consenso degli italiani. Questo consenso è ancora forte e maggioritario sia per il Popolo della Libertà , che si è sempre confermato e si conferma primo partito, sia per il centrodestra sia per Berlusconi in persona.

Consensi che hanno resistito alla crisi economica che altrove ha spazzato governi e maggioranze, o li ha messi seriamente in crisi. Come negli Usa in Giappone e in Inghilterra, o in Francia e Spagna, nonchè in gran parte degli altri paesi europei. Viceversa il governo italiano è il più stabile d’Occidente, e con i governi di Russia e Cina " ma in quei casi bisognerebbe parlare di sistema di potere " di tutti i paesi industrializzati.

Il governo ha reagito bene alla crisi, per apprezzamento unanime delle istituzioni mondiali e degli elettori, e ha guidato l’Italia fuori dai problemi. Problemi che ovviamente non sono ancora del tutto superati, e questo è uno dei motivi per cui c’è bisogno di continuità nell’azione attuale, che è stata più che positiva.

Nonostante la crisi, il governo ha risolto una serie di emergenze e di problemi ereditati dalla sinistra: Alitalia, rifiuti a Napoli, terremoto in Abruzzo, sono alcuni di questi. Ha mantenuto dal primo consiglio dei ministri l’impegno a sopprimere completamente l’Ici sulla prima casa. Ha eliminato la Finanziaria, occasione di continui assalti alla diligenza, sostituendola con leggi pluriennali di bilancio, che dal 2011 saranno sottoposte al vaglio preliminare dell’Unione uropea.

Altre riforme: la scuola, dalle elementari all’università . E’ la prima riforma organica dai tempi della legge Gentile. Dopo le contestazioni politicizzate del primo anno, quando si tentò di coinvolgere gli studenti, oggi la riforma della scuola è apprezzata da ragazzi, famiglie ed esperti. Lavoro: con la riforma del modello contrattuale " cioè accordi con i sindacati riformisti ed adatti alle diverse realtà produttive " si è precorso sia il caso Fiat sia il caso Federmeccanica. Banche: ben prima dell’esplosione della crisi, e ben prima che ci arrivasse l’Unione europea, il governo ha messo in sicurezza depositi e mutui.

Ancora. Grandi infrastrutture, molto prima che ci arrivasse Barack Obama. Completamento del riordino della nostra diplomazia in chiave di avamposti del made in Italy, come ogni potenza economica del mondo. Accordi con Francia, Russia e Libia per l’energia e per ridurre la dipendenza dell’Italia, riducendo i costi dell’elettricità . Ritorno al nucleare, via percorsa di recente dagli Usa e dalla Germania (che però il nucleare non l’avevano mai abbandonato).

Sicurezza. Guerra alla grande criminalità con cattura di 26 su 30 dei più pericolosi latitanti, a confisca dei loro beni. Mai nessun governo aveva fatto tanto nell’intera storia repubblicana. Sconfitta della clandestinità e fine degli sbarchi indiscriminati sulle nostre coste, che erano diventati l’approdo indistrurbato di scafisti e di trafficanti di esseri umani. Ripulitura delle città dalla criminalità di strada.

Vittoria in tutte le elezioni intermedie, dalle amministrative alle europee fino alle regionali. Oggi la stragrande maggioranza degli enti locali, e dunque della popolazione, è amministrata dal centrodestra. Una decisione consapevole degli elettori, stufi del malgoverno, degli sprechi e dei debiti della sinistra. Ovunque è stata intrapresa un’azione di risanamento: basta pensare che solo a Roma e nel Lazio i debiti lasciati dalla sinistra ammontano a 21 miliardi di euro. Il risanamento viene attuato in modo da ripianare l’esistente, ma anche dal non bloccare il bilancio corrente di città e regioni.

Il federalismo è una realtà . L’amministrazione, le tasse, le opere pubbliche, i beni demaniali, passano sotto il controllo delle amministrazioni locali, sotto gli occhi dei cittadini, i quali potranno costantemente osservare e giudicare. Una volta attuati i relativi decreti amministrativi, l’Italia diverrà un paese amministrato in modo più certo e trasparente, nel quale chi sbaglia paga e chi fa bene viene premiato.

Queste sono tutte cose fatte. Per la seconda parte di legislatura, Berlusconi ha annunciato un progetto in cinque punti: completamento del federalismo, riforma delle tasse, riforma dell’ordinamento giudiziario, sicurezza, Mezzogiorno. Nessuno discute che sia ciò di cui ha bisogno l’Italia: neppure i cosiddetti finiani, e neppure i moderati dell’opposizione.

Andando avanti su questo percorso, il governo non solo durerà per i prossimi tre anni, ma raccoglierà liberamente altri consensi tra i moderati (macchè campagna acquisti). E getterà le premesse, che già ci sono, per il dopo: per un altro periodo di centrodestra in Italia.

Source by Forzasilvio_it


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / BUONGOVE... tre anni
from: ladysilvia
by: AIFA