TRIENNALE MILANO: Bando Integrale VI Edizione della Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana

Martedì
00:49:39
Febbraio
06 2018

TRIENNALE MILANO: Bando Integrale VI Edizione della Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana

È online sul sito medagliadoro.org il bando della VI Edizione della Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana. Le candidature al premio Medaglia d’Oro all’Architettura Italiana dovranno essere consegnate entro il 31 marzo 2018.

View 6.0K

word 2.7K read time 13 minutes, 27 Seconds

Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana VI Edizione Triennale di Milano. Gennaio - ottobre 2018 Informazioni generali

La Triennale di Milano in collaborazione con il MiBACT, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, bandisce la sesta edizione del Premio Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana, evento con cadenza triennale che intende promuovere e riflettere sulle nuove e più interessanti opere e sui protagonisti che le hanno rese possibili.

La Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana punta alla promozione pubblica dell'architettura contemporanea come costruttrice di qualità ambientale e civile, e insieme guarda all'architettura come prodotto di un dialogo vitale tra progettista, committenza e impresa.

La Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana si pone come riflessione attiva sul ruolo del progettista e delle sue opere puntando alla diffusione pubblica in Italia e all'estero di un nuovo patrimonio di costruzioni e idee e insieme verificando periodicamente lo stato della produzione architettonica italiana, gli indirizzi, i problemi e i nuovi attori.

Modalità

Il Premio è così ripartito:
– Medaglia d'Oro all'opera. Il premio viene assegnato per la qualità della progettazione, l'intelligenza ambientale e contestuale, la realizzazione e la capacità d'innovazione tecnologica. Concorrono alla Medaglia d'Oro tutte le opere realizzate pertinenti alle diverse sezioni sotto indicate e selezionate dalla giuria.
– Premio Speciale all'opera prima. Il premio si riferisce a un'opera prima di un progettista entro il compimento del 40esimo anno d'età e intende porre in forte evidenza la nuova generazione che opera attivamente in Italia e all'estero.
– Premio Speciale alla committenza. Il premio intende porre l'attenzione sul ruolo fondamentale che la committenza pubblica e privata ha nella costruzione di un'opera di architettura e nella definizione di una differente qualità dello spazio fisico e sociale.

- Medaglia d'oro alla carriera. Un riconoscimento a quei progettisti italiani la cui opera ha costituito un punto di riferimento nel panorama nazionale ottenendo, al contempo, il plauso della cultura architettonica internazionale.

- Premio T Young Claudio De Albertis. Un nuovo premio, istituito a partire da quest'anno dal Comitato Premio Claudio De Albertis con l'obbiettivo di ricordare l'attenzione e l'impegno di Claudio De Albertis attraverso un segnale concreto di riconoscimento e supporto alle giovani eccellenze italiane nell'architettura.

Il premio è destinato ad architetti e ingegneri italiani under 35 anni al 1 gennaio 2015 (nati il o dopo il 1 gennaio 1980) che si siano distinti come promettenti nel panorama nazionale o internazionale dell'architettura nel triennio 2015-2018 (compresi interi, allestimenti, scenografie, restauro e riconversione, paesaggi, giardini e materiali). Il comitato erogherà al vincitore un premio di Euro 30.000* (*adempimenti fiscali a carico del vincitore) da utilizzare per formazione o progetti. I progetti del vincitore e dei finalisti saranno inclusi nella mostra e nel catalogo, secondo le modalità delle altre sezioni del premio. Non sono previsti premi ex-aequo.

Il Comitato Claudio De Albertis si riserva di istituire eventuali premi o menzioni.

Sono, inoltre, previste sei Menzioni d'Onore relative ad altrettante sezioni del costruire:
1. Nuovi edifici: fanno parte di questa sezione i nuovi edifici realizzati, a

uso privato e pubblico in zone urbane, suburbane ed extraurbane (residenze, scuole, impianti sportivi, municipi, musei, strutture sanitarie, uffici, spazi commerciali, impianti industriali, strutture per il tempo libero, edifici religiosi, etc.);

2. Paesaggio e spazi urbani: progetti realizzati di parchi, giardini, piazze, aree di riqualificazione ambientale in zone urbane, suburbane ed extraurbane;

3. Infrastrutture: progetti realizzati di strade, ponti, gallerie, canali, linee e fermate metropolitane, linee ferroviarie, stazioni, aeroporti, porti, opere a rete per il trasporto dei materiali energetici, vitali e di scarico (oleodotti, gasdotti ed elettrodotti; acquedotti e fognature), etc.;

4. Riconversione e restauro: progetti realizzati di riconversione edilizia relativi a grandi aree, quartieri ed edifici; progetti realizzati di restauro e ripristino di architetture storiche e contemporanee;

5. Allestimenti: progetti realizzati, riguardanti la valorizzazione temporanea di spazi urbani, infrastrutture, aree verdi, l'esposizione museale, artistica, commerciale;

6. Interni: progetti realizzati riguardanti la sistemazione definitiva di spazi interni di nuova realizzazione o preesistenti, ad uso pubblico o privato, a destinazione residenziale, commerciale, industriale, museale etc.

I premi e le menzioni verranno assegnati ad architetture progettate da professionisti italiani (architetti e ingegneri) e realizzate in Italia o all'estero nel periodo 2015-2017.
Sia le Medaglie d'Oro, che i Premi Speciali, che le Menzioni d'Onore saranno attribuiti da una giuria internazionale composta da sette membri. La Giuria stabilirà la lista dei progetti finalisti, fra i quali voterà a maggioranza i vincitori della Medaglia, dei singoli Premi Speciali e delle Menzioni d'Onore. La decisione della Giuria verrà resa pubblica tramite una conferenza stampa e una cerimonia ufficiale di proclamazione, cui seguirà l'esposizione e la pubblicazione dei progetti finalisti.

Per l'assegnazione del premio T Young Claudio De Albertis ai membri della giuria di Medaglia si aggiungeranno due membri scelti dal Comitato Claudio De Albertis. La giuria di nove membri stabilirà la lista dei progetti finalisti, fra i quali voterà a maggioranza il vincitore del premio. Il giudizio della giuria è da considerarsi inappellabile.

Per partecipare all'assegnazione dei Premi vanno seguite le seguenti modalità:

Criteri di selezione

Sono previsti tre criteri di raccolta delle candidature, i cui risultati confluiranno, senza alcuna selezione preventiva, in un unico contenitore che verrà sottoposto alla giuria.

1. Segnalazione da parte degli adviser. Un gruppo di esperti (architetti, direttori di riviste e Centri per l'architettura, critici) è invitato dalla Triennale a segnalare delle opere meritevoli relative alle categorie del premio. Ogni adviser può indicare fino a un massimo di 5 preferenze per i progetti + 1 preferenza per il premio De Albertis. Le schede compilate devono essere inviate via e-mail alla segreteria del premio. La segnalazione progetto comprenderà: autore, titolo e data del progetto, un contatto dell'autore dell'opera e il nome dell'adviser che segnala il progetto e la sua motivazione. La segnalazione Premio T Young comprenderà il nome del

candidato e le motivazioni della scelta. Le segnalazioni dovranno pervenire entro il 28 febbraio 2018.

2. Autocandidatura: qualsiasi progettista (architetto e ingegnere) potrà autocandidare un proprio lavoro, oppure potrà autocandidarsi per il premio T Young, seguendo le indicazioni consultabili all'interno del sito web www.medagliadoro.org dal 1 febbraio al 31 marzo 2018.

3. Segnalazione da parte di Associazioni, Enti e Fondazioni riconosciuti: Possono essere inviate fino ad un massimo di 10 preferenze, anche per il premio T Young Claudio De Albertis, per associazione/ente, in altrettanti form da richiedere alla segreteria del premio: info@medagliadoro.org. La segnalazione comprenderà: autore, titolo e data del progetto, un contatto mail o telefonico valido dell'autore dell'opera, la motivazione della segnalazione e una breve presentazione su carta intestata dell'associazione, ente o fondazione che segnala il progetto. Le segnalazioni dovranno pervenire entro il 28 febbraio 2018.

Documentazione richiesta

Le candidature al Premio Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana dovranno essere inserite nel sito www.medagliadoro.org dal 1 febbraio al 31 marzo 2018, seguendo le modalità indicate qui di seguito, a seconda della tipologia di presentazione.

Segnalati dagli adviser

I progettisti segnalati dagli adviser o dalle associazioni dovranno, su richiesta della segreteria del Premio, procedere alla registrazione e al caricamento dei materiali, dal 1 febbraio al 31 marzo 2018, utilizzando l'apposito form sul sito www.medagliadoro.org

Autocandidature

Per autocandidarsi è necessario inviare alla Triennale di Milano la documentazione redatta secondo le specifiche indicate dei lavori realizzati tra il 2015 e il 2017, e relativi alle sezioni sopra indicate.
Dal 1 febbraio al 31 marzo 2018 si potrà procedere alla registrazione utilizzando l'apposito form sul sito www.medagliadoro.org. Per il Premio T Young Claudio De Albertis è necessario adempiere i requisiti anagrafici richiesti: under 35 anni al 1 gennaio 2015 (nati il o dopo il 1 gennaio 1980).

Il form progetti:
Dati generali dell'opera e dei progettisti (singolo, gruppo o studio);
Sarà necessario caricare un PDF di presentazione del progetto (massimo 10 pagine e massimo 10 MB) che contenga:

  1. Elaborati grafici del progetto: piante, sezioni e prospetti (minimo 3/max 6);

  2. Immagini, in bianco e nero o a colori, dell'intero progetto, che includa interni, esterni, dettagli (minimo 3/max 6). Eventuali immagini di plastici di studio dell'opera in concorso (tutte le immagini fornite dovranno essere libere da diritti d'autore);

  3. Testo descrittivo in cui vengono spiegate le motivazioni, le scelte tecniche ed estetiche relative all'opera in concorso (minimo 500/massimo 1.500 battute);

  4. Curriculum vitae degli autori (minimo 500/massimo 1.500 battute).

Il form T Young Claudio De Albertis:
Dati generali dell'autore (con data di nascita);
Sarà necessario caricare un PDF di presentazione del progetto (massimo 10 pagine e massimo 10 MB) che contenga:

  1. Immagini in bianco e nero o a colori dell'intero progetto, ricerca
    (minimo 3/max 6). Tutte le immagini fornite dovranno essere libere da diritti d'autore.

  2. Eventuali elaborati grafici: piante, sezioni e prospetti (minimo 3/max 6)

  3. Testo di presentazione descrittivo del progetto/ricerca in cui vengono spiegate le motivazioni, i punti di forza e particolarità (minimo 500/massimo 1.500 battute);

4. Curriculum vitae dell'autore (minimo 500 massimo 1.500 battute).

Non verranno ammessi al Premio elaborati trasmessi in altra forma.

La documentazione suddetta dovrà essere caricata sul sito www.medagliadoro.org entro e non oltre il 31 marzo 2018 ed entrerà a fare parte di un archivio permanente. La documentazione relativa ai progetti finalisti e a quelli premiati sarà inclusa in un'apposita pubblicazione. Ai sensi del Testo Unico sulla Privacy D.lgs n.196/2003, in ordine al procedimento instaurato da questo avviso, si informa che la Triennale di Milano è soggetto attivo nella raccolta dei dati. I dati richiesti sono raccolti per le finalità del Premio. Le modalità del trattamento sono relative alle

attestazioni indicate e ai requisiti stabiliti dalla legge necessari per la partecipazione al Premio da parte dei soggetti aventi titoli.
Triennale è dotata di un Modello di organizzazione, gestione e controllo e di un Codice etico pubblicato sul sito www.triennale.org nella sezione Amministrazione Trasparente e si impegna, a rispettarne i principi, le regole di comportamento e i contenuti.

Le Medaglie d'Oro, i Premi Speciali, le Menzioni d'Onore e il Premio T Young Claudio De Albertis verranno assegnati dalla Giuria, il cui giudizio è da considerarsi inappellabile.
Non sono previsti premi ex-aequo. I progettisti selezionati per la fase finale (i finalisti) sono tenuti a fornire alla Triennale di Milano materiali grafici e illustrativi aggiuntivi, liberi da diritti d'autore.

Tale documentazione sarà custodita negli archivi della Triennale di Milano.

Calendario

Gennaio - febbraio 2018
16 gennaio 2018 conferenza stampa di presentazione della VI edizione del Premio Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana.
Convocazione ufficiale giuria e adviser.
Raccolta delle segnalazioni di opere architettoniche da parte degli esperti e delle associazioni.

1 febbraio – 31 marzo 2018

Avvio e apertura del Bando di Concorso Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana, raccolta delle candidature e autocandidature attraverso il sito www.medagliadoro.org.

Maggio 2018

Riunione della Giuria per selezione premiati.

Ottobre 2018

Premiazione e inaugurazione della mostra dedicata ai progetti dei finalisti e dei vincitori.
Lezione magistrale del vincitore della Medaglia d'Oro all'Architettura Italiana.

Giuria

Presidente della Triennale di Milano
Alberto Ferlenga, Triennale di Milano, Responsabile di Settore Architettura Territorio e Paesaggio, 2013/2017
Triennale di Milano, Responsabile di Settore Architettura Territorio e Paesaggio, 2018/2022
Federica Galloni, MiBACT Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane
Massimo Carmassi, Architetto, Vincitore V edizione Medaglia d'Oro Ilaria Valente, Politecnico di Milano, Preside Facoltà di Architettura Manuel Blanco, Universidad Politécnica de Madrid, Preside Facoltà di Architettura

Per l'assegnazione del Premio T Young Claudio De Albertis, si aggiungono: Carla De Albertis, Comitato Premio Claudio De Albertis, Presidente Andrea Kerbaker, scrittore, direttore di Tempo di Libri

Adviser

Alfonso Acocella, Costruire in Laterizio, Responsabile settore architettura, Ferrara
Miquel Adriá, Arquine, direttore, Ciudad de México
Matteo Agnoletto, architetto, Facoltà di Architettura "Aldo Rossi" Università di Bologna

Marco Albini, Fondazione Franco Albini, Milano
Benno Albrecht, architetto e curatore di architettura, Brescia
Andrea Aleardi, Fondazione Giovanni Michelucci, Firenze
Guy Amsellem, Cité de l'architecture et du patrimoine, presidente, Paris Carmen Andriani, architetto e critico dell'architettura, Roma
Maria Argenti, Rassegna di Architettura e Urbanistica, direttore, Roma Aldo Aymonino, architetto, IUAV, Venezia
Alberico Belgiojoso, Archivio Lodovico Barbiano di Belgiojoso, Milano Gisella Bertini Malgarini, Modulo, direttore, Milano
Aaron Betsky, Frank Lloyd Wright School of Architecture, preside, Wisconsin
Giovannella Bianchi, MAARC Museo virtuale astrattismo e architettura razionalista Como, Donnasibilla, Milano

Marco Biraghi, storico e critico, GIZMO, direttore, Milano Stefano Boeri, architetto e critico, Milano
Gilda Bojardi, Interni, direttore, Milano
Valeria Bottelli, Ordine degli Architetti di Milano, presidente Silvia Botti, Abitare, direttore, Milano

Maurizio Bradaschia, Il Progetto, direttore, Trieste
Silvia Brandi, IAAC, Barcelona
Marco Brizzi, Arch'it, direttore, Firenze
Antonella Bruzzese, Politecnico di Milano, Dipartimento di Architettura e Pianificazione, Milano

Rita Capezzuto, Domus, Milano
Maria Vittoria Capitanucci, storico e critico dell'architettura contemporanea, Milano
Novella B. Cappelletti, Topscape Paysage, direttore, Milano Giuseppe Cappochin, Consiglio Nazionale Architetti, presidente Paolo Carli, Marmo, direttore, Lucca
Viola Carnelutti Leone, Archivio Roberto Menghi, Milano Giovanna Carnevali, Strelka Institute, direttore dei concorsi internazionali di architettura, Mosca
Carlo Carozzi, Storia Urbana, direttore, Milano
Alberto Caruso, Archi, direttore, Lugano
Marco Casamonti, Area, direttore, Milano
Cesare Maria Casati, L'ARCA, direttore, Milano
Letizia Castellini, Fondazione Piero Portaluppi, presidente, Milano Giovanna Castiglioni, Fondazione Achille Castiglioni, Milano Francesco Cellini, architetto, Roma
Pippo Ciorra, MAXXI Architettura, senior curator, Roma
Aldo Colonetti, storico e teorico dell'arte, del design e dell'architettura, Milano
Claudio Conter, GIARCH Giovani Architetti Italiani, Trento Frederick Cooper Llosa, Arkinka, direttore, Lima
Giovanni Corbellini, critico indipendente, Università di Trieste Giovanna Crespi, Mondadori-Electa Architettura, editor, Milano Sergio Crippa, arcVision, direttore, Bergamo
Pierre-Alain Croset, architetto e critico, Politecnico di Torino Francesco Dal Co, Casabella, direttore, Milano
Claudio D'Amato, architetto, Politecnico di Bari
Marco D'Annutiis, Associazione Villard, Messina
Michele De Lucchi, Domus, direttore, Milano
Fernanda De Maio, architetto, IUAV, Venezia

François de Mazières, Archiscopie, direttore, Paris
Marco De Michelis, storico dell'architettura, Milano
Cesare De Seta, storico dell'architettura, curatore e critico indipendente, Napoli
Nicola Di Battista, architetto, Roma
Carmen Díez Medina, ZARCH, Zaragoza
Giovanni Durbiano, Politecnico di Torino
Maria Grazia Eccheli, Università di Firenze, Dipartimento di Architettura, direttore, Firenze
Massimo Faiferri, architetto e critico, Università di Alghero
Massimo Ferrari, Casabella, editor, Milano
Luis Fernández-Galiano, Arquitectura Viva, direttore, Madrid
Beppe Finessi, Inventario, direttore, Milano
Simona Finessi, Platform, direttore, Milano
Kurt W. Forster, Yale School of Architecture, professore emerito,New Haven
Jacopo Gardella, Archivio Ignazio Gardella, Milano
Cherubino Gambardella, architetto e critico, Seconda Università degli Studi di Napoli
Matteo Ghidoni, San Rocco Magazine, editor, Milano
Ebe Gianotti, Museo virtuale astrattismo e architettura razionalista Como, fondatore, Como
Luca Gibello, Giornale dell'architettura, direttore, Torino
Marco Gregoretti, Dedalo, direttore, Milano
Vittorio Gregotti, architetto e critico, Milano
Andrea Gritti, Ark, Milano
Margherita Guccione, MAXXI architettura, direttore, Roma Giuseppe Guerrera, architetto e critico d'architettura, Palermo Sandra Hofmeister, Detail, editor-in-chief, Monaco di Baviera Fabrizia Ippolito, Università della Campania "Luigi Vanvitelli", Aversa Fulvio Irace, Il Sole 24 ore, Milano
Anna Lambertini, Architettura del paesaggio, direttore, Firenze Nicola Leonardi, The Plan, direttore, Bologna
Giovanni Leoni, storico dell'architettura, Facoltà di Architettura "Aldo Rossi" Università di Bologna
Salvatore Licitra, Gio Ponti Archives, Milano
Mario Lupano, storico dell'architettura e curatore, Firenze
Italo Lupi, Studio Italo Lupi, Milano
Serena Maffioletti, Archivio Progetti IUAV, Venezia

Carlo Magnani, Iuav, Dipartimento Culture del Progetto, direttore, Venezia
Camillo Magni, Casabella, editor, Milano
Peppe Maisto, fotografo d'architettura

Gino Malacarne, scuola d'architettura di Cesena
Sara Marini, architetto, IUAV, Venezia
Cecilia Fernando Márquez, El Croquis, direttore, Madrid
Gabriele Mastrigli, architetto e critico, Roma
Saverio Mecca, CUIA Conferenza Universitaria Italiana di Architettura, presidente
Miska Miller Lovegrove, Ross Lovegrove Studio, London
Wittfrida Mitterer, Bioarchitettura, direttore, Bolzano
Ettore Mocchetti, AD Architectural Digest, direttore, Milano
Daniel Mòdol, Fundació Mies van der Rohe, direttore, Barcelona
Inés Moisset, Revista 30-60, editor, Cordoba, Argentina
Luca Molinari, critico e docente universitario, Milano
Antonio Monestiroli, architetto, Milano
Enrico Morteo, critico e storico dell'architettura, Milano
Francesco Moschini, Accademia di San Luca, direttore, Roma
Valerio Mosco, critico, Viceversa, editor, Roma
Marco Mulazzani, storico dell'architettura, Università di Ferrara Christine Murray, The Architects' Journal, general editor, London Giovanni Muzio, Archivio Giovanni Muzio, direttore, Milano
Giuseppe Nannerini, L'industria delle costruzioni, direttore, Roma Pierluigi Nicolin, Lotus International, direttore, Milano
Federico Oliva, Urbanistica, direttore, Roma
Carlo Olmo, Il giornale dell'Architettura, fondatore, Torino
Manuel Orazi, critico e editor d'architettura, edizioni Quodlibet, Macerata Francesco Orofino, In/Arch, vice presidente, Roma
Luca Paschini, GiArc Progetti di Giovani Architetti Italiani, curatore e direttore scientifico
Rosanna Pavoni, Fondazione Vico Magistretti, direttore, Milano Margherita Petranzan, Anfione e Zeto, direttore, Milano
Giovanni Piovene, San Rocco Magazine, editor, Milano
Vittorio Pizzigoni, architetto Baukuh, Milano
Sonia Politi, IoArch, direttore, Milano
Luigi Prestinenza Puglisi, storico e critico dell'architettura, Roma Franco Purini, architetto e critico, Roma
Alessandro Rocca, architetto e critico, Politecnico di Milano
Vera Rossi, Fondazione Aldo Rossi, presidente, Milano

Livio Sacchi, Ordine degli Architetti di Roma, presidente Marco Sammicheli, design curator, Politecnico di Milano Giorgio Santilli, Il Sole 24 ore, caporedattore, Roma Francesco Sbetti, Urbanistica informazioni, direttore, Roma Luciano Semerani, architetto e critico, Trieste

Barbara Sottsass Radice, Archivio Ettore Sottsass, Milano
Brett Steele, Architecture Association Graduate School, direttore, London Pierpaolo Tamburelli, San Rocco Magazine, editor, Milano
Matteo Vercelloni, architetto e critico, Milano
Paola Viganò, urbanista, IUAV, Venezia
Viviana Viganò, Archivio Vittoriano Viganò, Milano
Alberto Winterle, Turris Babel, direttore, Bolzano
Federica Zanuso, Archivio Marco Zanuso, Milano
Mirko Zardini, critico, CCA direttore, Montreal
Paolo Zermani, architetto e critico Università di Firenze, Parma
Cino Zucchi, architetto, Politecnico di Milano

Source by Triennale


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / TRIENNAL... Italiana