Facebook puzza di repubblica

Mercoledì
18:48:46
Maggio
05 2021

Facebook puzza di repubblica

View 7.9K

word 531 read time 2 minutes, 39 Seconds

Per l'ennesima volta Facebook pone delle restrizioni ad alcune delle pagine monarchiche che gestisco direttamente, conseguentemente è doveroso chiarire alcuni concetti e dare delucidazione su alcuni fatti. La ragione dell’accanimento di Facebook nei confronti di alcuni monarchici è ovvia, noi vogliamo il ripristino di una Monarchia; nel caso specifico presente è che presumibilmente sono a conoscenza, tramite spionaggio, di una legalissima attività in preparazione col Partito della Alternativa Monarchica, un partito assolutamente legale e che, sia bene chiarirlo, non percepisce alcun finanziamento dello Stato. Questa ulteriore (ci hanno bloccati molteplici volte) restrizione in cui si nega la possibilità di postare su delle pagine specifiche senza dare motivazione, dimostra non solo una violazione continuata dei diritti politici dell’individuo e delle Organizzazioni politiche costituite e legali, della privacy, una persecuzione politica e una discriminazione politica ma anche la mediocrità e il servilismo di Stato di chi gestisce Facebook, ovvero la Polizia di Stato italiana che ha questo potere spionistico, ed evidentemente di interferenza politica, a seguito dell’accordo dell’allora Ministro dell’Interno Roberto Maroni (il cui spessore ricordiamo anche per il decreto Biondi sull'abolizione della custodia cautelare, che fece uscire di prigione i corrotti di Tangentopoli), e l’accordo tra Polizia postale e Facebook contro i cyber criminali; E questo quando in uno Stato democratico le forze dell’ordine non possono sostenere attività politica! Inoltre a questi deficienti culturali evidentemente sfugge che sostenere l’istituzione monarchica non è un reato e che se ci trattano come se fossimo criminali, sono loro stessi a porsi dalla parte dei criminali, appunto per la violazione dei diritti sopra elencati. Uno Stato che adotta misure illegali di questo genere, è uno Stato criminale, anche quando si tratta di cose relativamente piccole come delle pagine Facebook. Questo atteggiamento di sopruso è confermato dagli arresti arbitrari nei confronti di monarchici, come avvenne per esempio nel 2006 in concomitanza con l’arresto di Vittorio Emanuele IV di Savoia. Qui chiarisco che quando ci si batte per l’affermazione della legalità istituzionale di un Paese, lo si fa per la dignità di tutti i suoi cittadini e, nel caso dell’Italia, questo include i repubblicani e tutte le forze contrarie alla Monarchia che rimane, a prescindere dalle opinioni, cioè come fatto immutabile, l’istituzione legale in Italia, mentre la Repubblica rimane una istituzione “de facto”, mai proclamata legalmente e, brogli colossali a parte con oltre 2 milioni e mezzo di voti inventati e legge referendaria non applicata, questa si è imposta col colpo di Stato del 12/06/1946 e non col referendum del 02/06/1946 come molti ignoranti ancora oggi credono. La legalità dell’istituzione e la storia degli eventi che la riguarda va oltre la volontà o l’opinione dei singoli individui e conseguentemente quando le attuali istituzioni repubblicane infieriscono nei confronti dei monarchici, i quali come il sottoscritto chiedono solo legalità, si pongono in uno stato di inferiorità peggiore di quella che deriva dalla loro origine golpista. Non saranno certo degli individui che rappresentano delle istituzioni la cui storia repubblicana di corruzione estrema è evidente a tutti, a far mutare la storia, i fatti o l’attività politica monarchica che è principalmente tesa a far prevalere la Giustizia.


Matteo Cornelius Sullivan

Reggente del P.d.A.M.



Source by Partito_della_Alternativa_Monarchica


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Facebook...epubblica