6 OTTOBRE: A PARMA “FACCIAMO PACE!” - CONFERENZA NAZIONALE SULLA CULTURA DELLA PACE

Lunedì
12:42:51
Settembre
27 2021

6 OTTOBRE: A PARMA “FACCIAMO PACE!” - CONFERENZA NAZIONALE SULLA CULTURA DELLA PACE

Dalle 9.30 al Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma (Plesso Aule delle Scienze). Aprono il Sindaco Pizzarotti e il Prorettore Vicario Paolo Martelli, chiude la Vice Presidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein

View 1.2K

word 633 read time 3 minutes, 9 Seconds

Parma - Nel 60° anniversario della Marcia PerugiAssisi, il Comune e l’Università di Parma, la Rete Italiana delle Università per la Pace, il Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, la Rete Nazionale delle Scuole per la Pace e il Comitato Promotore della Marcia per la Pace PerugiAssisi promuovono una Conferenza nazionale sulla cultura della pace.

Facciamo pace!, questo il titolo dell’appuntamento, è in programma per mercoledì 6 ottobre a partire dalle 9.30 al Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma(Centro congressi del Plesso Aule delle Scienze), e sarà una riflessione a più voci (esponenti delle istituzioni, del mondo accademico e della scuola, dell’associazionismo, studenti) su un tema oggi più che mai attuale. In un mondo sempre più complesso e interdipendente, la costruzione di società pacifiche e inclusive appare infatti una sfida di cui si avverte più che mai l’urgenza (obiettivo 16 dell’Agenda ONU 2030).

La cultura della pace è la cultura della cura, dei diritti umani e della responsabilità. È la cultura dell’incontro, del rispetto, del dialogo, della solidarietà e della cooperazione. È la cultura della fratellanza e della nonviolenza tra gli esseri umani e con la natura. Come dice la Dichiarazione ONU per una Cultura della Pace (1999), “il pieno sviluppo di una cultura di pace è totalmente legato: a) alla promozione di una soluzione pacifica dei conflitti, al rispetto e alla comprensione reciproca e alla cooperazione internazionale; b) all’aderenza agli obblighi internazionali, ai sensi dello Statuto e del diritto internazionale; c) alla promozione della democrazia, dello sviluppo, del rispetto e della pratica universale di tutti i diritti umani e di tutte le libertà fondamentali […]. L’istruzione a tutti i livelli costituisce uno dei principali strumenti per costruire una cultura di pace”.

In apertura di mattinata, alle 9.30, i saluti introduttivi del Sindaco di Parma Federico Pizzarotti e del Prorettore Vicario dell’Università di Parma Paolo Martelli. A seguire Marco Mascia (Università di Padova, Cattedra Unesco Diritti Umani, Democrazia e Pace; Rete delle Università Italiane per la Pace) parla di L’Onu per la cultura della pace. Alle 10.15 I giovani e la cultura della pace, con interventi di Ludovica Pancaro (studentessa del Liceo Bertolucci di Parma, classe 5B), Lorena Frignani (studentessa dell’Università di Parma, Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali ed Europee), Marianna Reverberi (studentessa del Liceo Bertolucci di Parma, classe 5B), Gabriele Masullo (studente dell’Università di Parma, Corso di Laurea Magistrale in Relazioni Internazionali ed Europee). L’assessore alla Cultura del Comune di Parma Michele Guerra interverrà poi sul tema Le sfide della cultura della pace oggi. Alle 10.50 la sessione Promuovere la cultura della pace: il ruolo dell'Università, della Scuola, degli Enti locali, introdotta e coordinata da Alessandro Pagliara (Referente dell’Università di Parma nella Rete delle Università Italiane per la Pace), con interventi di Enza Pellecchia (Coordinatrice della Rete Italiana delle Università per la Pace), Aluisi Tosolini (Coordinatore della Rete Nazionale delle Scuole per la Pace), Flavio Lotti (Direttore del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani; Comitato Promotore della Marcia per la Pace PerugiAssisi). Alle 11.45 la sessione La cooperazione e la cittadinanza globale come strumenti di pace, con interventi di Nicoletta Paci (Assessora alla Partecipazione e ai Diritti dei Cittadini del Comune di Parma), Nadia Monacelli (Direttrice del Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale dell’Università di Parma), Mounia El Fasi (Associazione Sistema Territoriale Parma per la Cooperazione internazionale), Silvia Marchelli (Presidente di Parmaalimenta), Rosanna Pippa (CSV Emilia ODV). La mattinata sarà chiusa intorno alle 12.45 dalla Vice Presidente della Regione Emilia-Romagna Elly Schlein.

Source by UNIPR


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / 6 OTTOBR...ELLA PACE