Sabato
19:08:40
Luglio
16 2022

Politiche giovanili. I quartieri Corvetto e Rogoredo si trasformano in set con Cinemadamare

Dal 27 luglio al 2 agosto, 60 giovani filmmaker provenienti da oltre 40 Paesi del mondo realizzeranno cortometraggi su Milano

View 354

word 565 read time 2 minutes, 49 Seconds

Milano - Saranno i quartieri Corvetto e Rogoredo a ospitare la ventesima edizione di Cinemadamare, raduno di giovani filmmaker provenienti da tutto il mondo, che dal 27 luglio al 2 agosto farà tappa a Milano. È la seconda volta consecutiva che la rassegna si ferma nel capoluogo lombardo.

Realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo, nell'ambito del progetto "LaCittàIntorno", e con il patrocinio dell'UNESCO e del Comune di Milano, Cinemadamare è un campus itinerante di produzione e di formazione per la cinematografia e per l’audiovisivo, organizzato in partnership con 51 università e scuole di cinema di tutti i continenti. Dura più di tre mesi e ospita oltre 220 giovani cineasti. Iscrizioni, spostamenti in pullman da una città all'altra e pernottamento per chi partecipa a più settimane di campus in tour per l'Italia sono gratuiti.

Alla tappa di Milano sono previsti 60 filmmaker da più di 40 Paesi.

Per una settimana, il Corvetto e Rogoredo diventeranno un enorme set a cielo aperto: i ragazzi non solo gireranno qui i loro film, ma vivranno anche nel Municipio 4. Collaborazione, lavoro e sostegno reciproco sono i valori alla base della kermesse. Il campus, infatti, coinvolgerà i giovani della zona facendoli diventare, attraverso le loro storie e i luoghi che frequentano, protagonisti, comparse e assistenti nei film che saranno girati nel corso della manifestazione.

La base operativa sarà la sede della Cooperativa "La Strada", dove saranno allestite le sale montaggio, e i filmmaker che arrivano da fuori città saranno alloggiati presso gli spazi dell'Associazione Rogoredo84.

"La forza di Cinemadamare sta nella capacità di coinvolgere ragazzi e ragazze di nazionalità differenti in un progetto di valorizzazione della città di cui sono autori e protagonisti - ha commentato l'assessora alle Politiche Giovanili Martina Riva -. Lo scambio di esperienze tra chi vive in questi o in altri quartieri di Milano e chi arriverà nella nostra città dall'estero sarà quindi un valore aggiunto per i cortometraggi che saranno realizzati e per i ragazzi stessi. Spero che i filmmaker milanesi partecipino numerosi: questa è un'occasione da non perdere sia per loro, che potranno mettere alla prova la propria passione in un'iniziativa internazionale stimolante, sia per Milano, che sarà vista, vissuta e rappresentata da giovani provenienti da ogni parte del mondo, che in futuro potranno decidere di tornare, per turismo, studio o lavoro".

Quest'anno il tour della Carovana di Cinemadamare è partito l’11 giugno da Roma e terminerà il 16 settembre: ogni settimana si ferma in una città diversa, toccando otto regioni, dalla Lombardia alla Sicilia. Ad ogni tappa i ragazzi realizzano dei cortometraggi, raccontando i luoghi che li ospitano. Totalmente liberi i temi che potranno essere trattati - dalla multiculturalità al cibo - e il genere del film.

Chiunque potrà unirsi al gruppo, anche a tour avviato.

I ragazzi e le ragazze di Milano interessati a partecipare possono presentarsi direttamente al Production Meeting, l'incontro iniziale della rassegna, che si terrà il 28 luglio, alle ore 10, nella Sala Riunioni di Palazzo Reale. Da lì comincerà la realizzazione dei corti: i ragazzi si organizzeranno in troupe, mettendo insieme ognuno la propria attrezzatura, e produrranno dei film della durata massima di 10 minuti.

Il 2 agosto i prodotti realizzati saranno proiettati nel corso di una serata aperta al pubblico e i migliori lavori saranno premiati, a conclusione della "weekly competition".

Source by Redazione


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Politich...emadamare