Attacco in Siria, mons. Audo: Paese vittima di potenze straniere

Domenica
19:02:05
Aprile
15 2018

Attacco in Siria, mons. Audo: Paese vittima di potenze straniere

View 4.4K

word 699 read time 3 minutes, 29 Seconds

Riunito il Consiglio di Sicurezza dell'Onu dopo i raid di stanotte in Siria decisi dagli Usa, con l'appoggio di Francia e Gran Bretagna. "Missione compiuta" ha twittato Trump. Per la Russia è "aggressione". Secondo la Chiesa locale, la Siria paga le alleanze regionali e gli interessi dell'Occidente

Amedeo Lomonaco, Giada Aquilino – Città del Vaticano
Un "obbligo" che esiste e va rispettato. Così il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres ha ricordato come si debba "agire coerentemente con la Carta delle Nazioni Unite e con il diritto internazionale", commentando i raid in Siria decisi dal presidente statunitense Donald Trump, assieme a Francia e Gran Bretagna.

Trump: missione compiuta. Russia: aggressione
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito in queste ore a New York per discutere quanto sta avvenendo: l’incontro è stato chiesto dalla Russia, che ha proposto una bozza di risoluzione per condannare quella che ha definito un’"aggressione" da parte "degli Stati Uniti e dei suoi alleati". Il documento è stato bocciato. I bombardamenti hanno colpito nella notte laboratori di produzione di armi chimiche e depositi di armi non convenzionali nelle regioni di Damasco e Homs. Il capo della Casa Bianca, in un tweet, ha parlato di "missione compiuta" e l'ambasciatrice americana all'Onu, Nikki Haley, ha ribadito che se il regime di Damasco userà ancora le armi chimiche, gli Usa "sono pronti a sparare". Da Bruxelles, intanto, è arrivato il "pieno sostegno" della Nato ai bombardamenti.

Mons. Audo: stava per iniziare la missione degli ispettori Onu
Per il vescovo caldeo di Aleppo mons. Antoine Audo è sorprendente che l’attacco sia avvenuto proprio mentre stava per iniziare in Siria la missione degli ispettori dell’Onu chiamati ad indagare sull’uso delle armi chimiche attribuito al regime di Damasco. Per il presule l’attacco nasconde la "volontà di potere" dell’Occidente - che alimenta il commercio delle armi - e degli alleati sauditi nella regione perché sarebbe assurdo che Damasco usi armi letali proprio mentre il suo esercito ha riconquistato la regione di Ghouta. Secondo mons. Audo - al microfono di Luca Collodi di Radio Vaticana Italia - a livello regionale la Siria sta pagando il prezzo del conflitto a distanza tra Arabia Saudita e Iran, un po’ come è avvenuto nel vicino Iraq, e spera in un accordo tra Stati Uniti e Russia.

Vittorio Parsi: l’Occidente non ha strategia a lungo termine
Vittorio Emanuele Parsi, docente di Relazioni Internazionali all'Università Cattolica di Milano, sottolinea, al microfono di Luca Collodi, che l’attacco contro obiettivi militari in Siria è sbagliato perché non cambia niente. La Russia - ricorda Parsi - aveva assunto l’impegno formale ad occuparsi dello smantellamento dell’arsenale chimico di Assad. Se delle armi chimiche sono state impiegate da quest’ultimo, il bersaglio che andava colpito – non militarmente ma in maniera diplomatica - era la Russia, perché Mosca aveva assunto questo impegno. Invece gli americani - sottolinea Parsi - hanno preferito fare un gesto molto rischioso che rischia solo di alimentare altre possibili escalation. Cina e Russia sono in grado di sfruttare strategicamente gli errori americani e l’Occidente – osserva l’analista - ha dato l’ennesima dimostrazione di non avere una politica siriana; non c’è una strategia a lungo termine. Il Medio Oriente, il Levante, è in mano a questa alleanza estremamente instabile tra Russia, Iran e Turchia ma dall’altra parte se ne sta formando una più tradizionale, ma altrettanto instabile: Stati Uniti, Arabia Saudita e Israele. Giocare con il fuoco in un teatro del genere è estremamente pericoloso.

Da Loreto una preghiera per la Siria e il Medio Oriente
Una preghiera speciale per la Siria s’innalza stasera da Loreto: la Delegazione Pontificia ha deciso infatti che la recita del Rosario e la fiaccolata con flambeaux, in Piazza della Madonna, siano indirizzate in particolare a quelle donne, quegli uomini e quei bambini vittime in questi giorni della recrudescenza bellica in Siria e, in generale, a tutte le popolazioni coinvolte in situazioni di conflitto e di guerra in Medio Oriente. A guidarle, l’arcivescovo Fabio Dal Cin.

Source by vaticano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Attacco ...straniere