Auza: politici non sfruttino paure dei popoli per incitare all'odio

Giovedì
02:01:32
Novembre
01 2018

Auza: politici non sfruttino paure dei popoli per incitare all'odio

Intervento di mons. Bernardito Auza, osservatore permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite a New York, durante i lavori del Comitato per l’eliminazione di razzismo, discriminazione razziale, xenofobia e relativa intolleranza, riunito nel Palazzo di Vetro

View 3.3K

word 577 read time 2 minutes, 53 Seconds

Roberta Gisotti - Città del Vatican: Grave preoccupazione esprime la Santa Sede di fronte all’apparente impennata nel mondo di “sentimenti” - che molti pensavano fossero superati - “di sospetto, paura, disprezzo e perfino di odio verso individui o gruppi giudicati per la loro identità etnica, nazionale o religiosa e, come tali, ritenuti non sufficientemente degni di prendere pienamente parte alla vita sociale.” Sentimenti che “troppo spesso - ha stigmatizzato l’arcivescovo Auza - ispirano atti di intolleranza, discriminazione o esclusione”, come denunciato nel settembre scorso da Papa Francesco, durante la Conferenza mondiale su “Xenofobia, razzismo e nazionalismi populisti nel contesto delle migrazioni globali.”

Le illusorie promesse della politica per miopi interessi elettorali

“Accade pure - ha ammonito il rappresentante Vaticano - che nel mondo della politica alcuni cedano alla tentazione di sfruttare le paure e le oggettive difficoltà di taluni gruppi, usando illusorie promesse per miopi interessi elettorali. La serietà di questo fenomeno non può lasciarci indifferenti. Noi tutti siamo chiamati, nei nostri rispettivi ruoli a coltivare e promuovere rispetto per l’intrinseca dignità di ogni persona umana e favorire una cultura d’incontro e apertura agli altri, nel reciproco rispetto.”

La responsabilità spesso elusa dai capi religiosi e dai credenti

Ha richiamato, quindi il presule, la particolare responsabilità dei leader di tutte le religioni, che hanno “la missione di diffondere, tra i loro fedeli, i principi etici e i valori iscritti da Dio nel cuore dell’uomo.” Vero è - ha però constatato il rappresentante della Santa Sede - che “capi religiosi e credenti non sempre hanno vissuto questa responsabilità” e non sono mancati “atti d’intolleranza motivati dalla religione che, anche oggi, piuttosto che favorire l’apertura agli altri, possono essere a volte usati come pretesto per rifiuto, marginalizzazione e violenza, la cui espressione peggiore è l’omicida follia, che abusa del nome di Dio per disseminare la morte come parte di un gioco di dominio e potere.”

Uccidere in nome di Dio è sempre una bestemmia

“La risposta, comunque, a tale pazzia - ha raccomandato mons. Auza - non può essere la logica dell’occhio per occhio o l’entrare in un circolo vizioso di violenza di rappresaglia, ma deve piuttosto prendere la forma di un autentico dialogo tra le confessioni religiose cominciando con la comune ed inequivocabile riaffermazione che l’uccidere gli altri in nome di Dio è una bestemmia contro il nome di Dio. In altre parole , dovrebbe essere ‘un fermo e chiaro No? Ad ogni forma di violenza, vendetta e odio compiuti in nome della religione o nel nome di Dio”.

L’accusa d’incitamento all’odio non sia alibi per censure ideologiche

L’arcivescovo Auza ha infine messo in guardia dal trasformare, da parte degli Stati, le corrette pratiche per monitorare e investigare su casi di razzismo, xenofobia e intolleranza e proteggere i soggetti deboli “in censure e altri abusi”, quando l’accusa d’‘incitamento all’odio’ in base alla razza, all’etnia, alle origini nazionali o all’affiliazione religiosa venga estesa anche a criteri ideologicamente di parte, giustificando “l’adozione di misure discriminanti e repressive contro chi, ad esempio, difenda la dignità di ogni vita umana o sostenga la dignità del matrimonio e della famiglia.”

Source by vaticano


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Auza: po... all'odio