Lo strabiliante successo della festa del Popolo Veneto e della Serenissima, 12 luglio, a Coi

Giovedì
15:20:53
Luglio
18 2019

Lo strabiliante successo della festa del Popolo Veneto e della Serenissima, 12 luglio, a Coi

View 2.9K

word 748 read time 3 minutes, 44 Seconds

Quello che abbiamo vissuto lo scorso, 12 luglio, a Coi o, meglio, nel Baliato dai Coi (essendo comunità formata da due piccoli villaggi, Coi e Col, e Coi è solo il maggiore) è difficile, anzi impossibile da esprimere.

Si è trattato di una festa così luminosa e bella, così sentita e partecipata, così vera e intensamente vissuta, senza la minima contraddizione o contestazione, che il cuore faceva sentire una gran voglia di piangere di gioia, un nodo stringeva la gola e strozzava la voce e sembrava di essere tutti una gran comunità di amici da vecchia data, persino o quasi di fratelli, e ci si sarebbe abbracciati volentieri, l’un l’altro, se solo un residuo di pudore e di abitudine al nascondimento - a volte - dei propri sentimenti più autentici, non ci avesse bloccati nel farlo. Ma i visi parlavano da soli, erano specchi di gioia!

Gli arrivi sono stati tanti, circa il triplo di quanti prevedevo. Ho rivisto, ho potuto parlare con persone che mai avrei creduto di incontrare, avendole conosciute decenni e decenni fa e poi perse di vista. È venuto a concelebrare la S. Messa anche don Gianfranco Slongo…

Quando, all’esterno della chiesa, si è trattato di iniziare il rito dell’accoglienza della bandiera, sorretta da una bambina (era stata piegata e la teneva in braccio, mentre prima era distesa, come si vede nella fotografia), mi sono accorto che non mi veniva più il respiro. Ero consapevole, sino in fondo, che stavamo per rendere concreto e pubblico un sentimento troppo a lungo, e troppo ingiustamente, represso nel cuore. Ma dovevamo essere all’altezza di quel momento; e mi sono ricordato queste parole: «Coraggio non è non avere paura, ma andare avanti nonostante la paura». Allora ho chiesto, con un filo di voce: «Che bandiera presentate alla Chiesa di Dio?». Come un rombo festoso, ho sentito tutto attorno a me quest’esclamazione: «La bandiera del Popolo Veneto e della Serenissima». Tenevo la testa bassa, non volevo trasmettere il turbamento che accompagna inevitabilmente l’emozione. Continuai: «Per la bandiera del Popolo Veneto e della Serenissima Repubblica di San Marco cosa chiedete alla Chiesa di Dio?» e il rombo dell’intero Popolo Veneto, Popolo eroico e martire, nell’unisono della risposta: «La benedizione nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, per intercessione di San Marco». Proseguii: «Giurate di onorarla, con l’aiuto di Dio, e farla onorare?», «Lo giuriamo!». Nell’anima avevo un terremoto, ma conclusi come prevedeva il rito: «Dio onnipotente confermi il giuramento che ora avete fatto e vi renda fedeli e operosi in esso. La Chiesa di Dio accompagna il vostro giuramento e il vostro impegno, ora solennemente manifestati, con la benedizione che invocherà, su di voi e sulla bandiera, al termine della S. Messa».

Iniziai la recita, come previsto, del salmo 112, in latino. Con mia felice sorpresa, sentivo che erano tantissimi a saperlo leggere nell’antica lingua. Entrammo in chiesa e seguì la S. Messa. C’era chi piangeva di commozione.

Al termine, l’andata bella, nel sole, dalla chiesa al giardino dove sarebbe stata innalzata ufficialmente la bandiera.

Ne parleremo in un altro articolo.

Quello che abbiamo vissuto è stato troppo bello per poter essere espresso in un solo comunicato. Chi non ha provato le quasi quattro ore vissute insieme, non riuscirà mai ad immaginarle, se non lontanamente e incompiutamente. Ci sono emozioni e momenti di vita che le parole non possono far percepire a chi è stato loro estraneo. Abbiamo vissuto, cellula consapevole e autodeterminata dell’intero Popolo Veneto, il nostro Tabor, quel momento in cui Cristo anticipò ai discepoli lo splendore della sua, futura sì ma prossima, resurrezione. Ai piedi del Pelmo, definito Caregón del Padre Eterno, a corona del busto della Madonna, in quello spettacolo di natura, di persone affratellate e di alti valori civici e morali condivisi, in alcuni momenti non sembrava neppure più di essere in questo mondo, ma in una prospettiva di paradiso e che il Signore, l’onnipotente, ripetesse come un giorno all’evangelista: «Pax tibi, Marce, evangelista meus!»: «Abbi il cuore in pace, Popolo Veneto, mio Popolo, io ti proteggo e ti proteggerò!».

E, infatti, sia quel che sia, sarà così e il Popolo Veneto tornerà ad essere riconosciuto, anche dalla cosiddetta (cioè autodefinitasi) Repubblica italiana, qual è: un Popolo sovrano, nonostante tutti i bastardoni di ieri, di oggi e di domani!

don Floriano Pellegrini
http://dallacasata...zono.altervista.org

foto: by Silvia M. Carrassi

Source by don_Floriano_Pellegrini


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Lo strab...io, a Coi
from: ladysilvia
by: Triennale