Perchè sui giornali vanno i vestiti impossibili

Giovedì
12:39:37
Febbraio
16 2006

Perchè sui giornali vanno i vestiti impossibili

Lo ha rilevato una ricerca-esperimento di Diego Rinallo del Cermes Bocconi. Ma non è un tradimento delle lettrici: i capi esagerati sono quelli che rendono visivamente meglio le tendenze di ogni stagione

View 130.2K

word 489 read time 2 minutes, 26 Seconds

Sabato si aprono le sfilate di Milano Moda Donna autunno/inverno 2006. Una delle poche previsioni che si possono fare è che i capi delle collezioni, le cui fotografie saranno pubblicate dalle riviste femminili, da settembre, saranno i più inutili. Lo ha rilevato una ricerca di prossima pubblicazione condotta da Diego Rinallo del Centro di ricerche sui mercati e sui settori industriali (Cermes) dell’Università Bocconi.

“Se, a parole, alcuni giornalisti di moda sostengono di privilegiare quelli che definiscono vestiti veri per gente vera”, spiega Rinallo, “le loro preferenze di pubblicazione si indirizzano, invece, verso capi con caratteristiche ben determinate, la più stupefacente delle quali è l’assenza di portabilità . Sono vestiti che le lettrici non potrebbero mai indossare”.

La prima fase, qualitativa, della ricerca di Rinallo è stata una serie di interviste esplorative a redattori (in realtà , quasi sempre redattrici) con potere decisionale sulla pubblicazione dei servizi di moda. Le giornaliste dichiarano di lasciarsi guidare, nella scelta dei capi, da sei variabili: il gusto (quello personale e quello percepito da parte delle lettrici), la creatività (nell’opinione propria e in quella percepita da parte delle lettrici) e la portabilità (ancora, nella doppi accezione).

In una seconda fase Rinallo, con un gruppo di giornaliste diverse dalle prime, ha classificato in tre livelli (alto, medio e basso) i capi di alcune collezioni primavera/estate secondo i parametri della creatività e della portabilità . Ha poi creato un book di 20 abiti che comprendeva i soli capi classificati unanimemente alti o bassi secondo i due criteri. Creatività e portabilità non si sono dimostrate in contrapposizione tra di loro; il book comprendeva sia capi con una caratteristica alta e l’altra bassa, sia capi alti o bassi secondo entrambi i parametri.

L’ultima fase della ricerca ha coinvolto un terzo gruppo di giornaliste, alle quali Rinallo ha chiesto un giudizio sulla pubblicabilità dei capi del book e giudizi su aspetti riconducibili alle sei variabili che, nella fase preliminare, erano risultate, in astratto, essere importanti nella scelta.

Da questa verifica sperimentale risulta, intanto, che le variabili che effettivamente influiscono sulla decisione di pubblicazioni non sono quelle che riguardano il gusto e le valutazioni personali, ma il gusto e le valutazioni percepite delle lettrici. I capi con maggiore possibilità di pubblicazione sono quelli a più alta creatività e, in contraddizione con le dichiarazioni verbali, a più bassa portabilità .

Quello che, a prima vista, potrebbe sembrare un tradimento delle lettrici, ha invece, secondo Rinallo, una motivazione profonda nella funzione ultima dei servizi di moda. “I capi meno portabili, perché più esagerati, sono quelli che meglio illustrano visivamente le tendenze della collezione o della stagione”, spiega lo studioso, “e la loro pubblicazione è giustificata dalla loro efficacia, per così dire, didattica”.

Fabio Todesco
Ufficio Stampa
Università Bocconi

Source by Bocconi


LSNN is an independent editor which relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources, we work in the direction of freedom of expression and for human rights , in an oppressed society that struggles more and more in differentiating. Collecting contributions allows us to continue giving reliable information that takes many hours of work. LSNN is in continuous development and offers its own platform, to give space to authors, who fully exploit its potential. Your help is also needed now more than ever!

In a world, where disinformation is the main strategy, adopted to be able to act sometimes to the detriment of human rights by increasingly reducing freedom of expression , You can make a difference by helping us to keep disclosure alive. This project was born in June 1999 and has become a real mission, which we carry out with dedication and always independently "this is a fact: we have never made use of funds or contributions of any kind, we have always self-financed every single operation and dissemination project ". Give your hard-earned cash to sites or channels that change flags every time the wind blows , LSNN is proof that you don't change flags you were born for! We have seen the birth of realities that die after a few months at most after two years. Those who continue in the nurturing reality of which there is no history, in some way contribute in taking more and more freedom of expression from people who, like You , have decided and want to live in a more ethical world, in which existing is not a right to be conquered, L or it is because you already exist and were born with these rights! The ability to distinguish and decide intelligently is a fact, which allows us to continue . An important fact is the time that «LSNN takes» and it is remarkable! Countless hours in source research and control, development, security, public relations, is the foundation of our basic and day-to-day tasks. We do not schedule releases and publications, everything happens spontaneously and at all hours of the day or night, in the instant in which the single author or whoever writes or curates the contents makes them public. LSNN has made this popular project pure love, in the direction of the right of expression and always on the side of human rights. Thanks, contribute now click here this is the wallet to contribute


Similar Articles / Perchè ...possibili
from: ladysilvia
by: Redazione